Olimpia Milano

come gara sei....

Questa volta la manina è quella di Marshon Brooks invece che Jerrells, questa volta sono i quarti di finale di Coppa italia anzichè gara sei della finale di Campionato, questa volta dall'altra parte non c'era Siena quasi in disarmo ma un'Avellino alla ricerca del sorpresone da un lato e dall'altro il rischio della nemesi da Coppa Italia che colpisce Milano ormai da anni. Anche se i tifosi alla ricerca di scoop dicono di avere visto dopo il tiro della vittoria la faccia di un Gentile corrucciato per non aver avuto lui la palla della vittoria, va bene così: in questo momento se dovessi giocarmi qualcosa di valore su un giocatore in uno contro uno, Brooks sarebbe il prescelto. E normalmente le vittorie allo scadere, in casa milanese e non solo, portano fortuna e caricano la squadra. Sempre più convinto, in compenso, che la scelta di compattare i quarti nella stessa giornata sia una follia organizzativa, un vero e proprio boomerang per l'immagine e la visibiità del torneo in questione. A riprova di ciò le tribune praticamente vuote per tre gare su quattro, ampiamente documentate dalla regia Rai… Contenti loro, contenti tutti! Stop Frame da RaiSport2 del tiro vincente:
brooks shot

Dov'è la Vitoria?....

Noi contro di noi: è la storia di Milano di quest'anno. La prossima partita (il 29/1/15) contro i baschi di Vitoria dovrebbe essere una di quelle in cui si gioca contro se stessi, perchè se ognuno fa il suo dovrebbe essere fieno in cascina.Due centri di peso, bianchi : Begic con i suoi 2,16 e Colton Iverson (Usa) 3cm di meno. Atletismo dai due Diop, ali alte, mentre il settore piccoli più leggero dei nostri con due americani play. Ma una squadra, rispetto a quelle passate, di un paio di gradini inferiore… Poi noi siamo bravissimi a complicarci l'esistenza. Contro Cremona si è rivisto anche Gigli, che ha dimostrato di poter dare minuti a buon livello. Se si pensa al colore dei centri avversari, qualcosa può dare anche in Europa. James si è macinato più minuti del solito e giocare aiuta a giocare…. Unico dilemmmmmma (le tante emme non sono un errore…) è il Lituano: se mantiene la calma e fa valere l'esperienza è sicuramente un fattore. Lo è anche quando sbrocca, però per gli altri…. Vedremo…

Ma anche no....

Se questa è la ripartenza del blog, lo rimetto a dormire per altri quattro mesi… Non ho capito se non abbiamo giochi contro squadre fisiche e arbitraggi permissivi o se è un passo falso questo contro la banda Obradovic. Samuels sembrava sempre indietro, sistematicamente tagliato fuori, monotematico in pick & roll lenti che non liberavano nessuno e i nostri aiuti venivano puniti regolarmente dall'uomo libero. Attaccavamo quasi sempre contro la difesa schierata con i problemi di cui sopra ed i contropiedi perennemente frenati da esitazioni nostre o anticipi (loro). Molta gente tenuta in panca, magari con problemi fisici, magari no. La sensazione è che si confidi troppo nella classe dei singoli dimenticando eventuali giochi di squadra per liberare al tiro uno o l'altro giocatore. Alibi pochi, combinazioni di cause magari: facendo il gioco dei se e dei ma, se l'arbitraggio fosse stato, come si dice nel calcio, meno inglese, avremmo anche potuto farcela, così no.
10 chili e dieci cm mediamente in più per ciascun giocatore turco non li puoi concedere, e ad una squadra di Obradovic con fior di giocatori meno che meno, soprattutto se lasci che si menino in campo!

DSCN1001

Altro che due settimane...

Quasi quattro mesi…. Per essere un Blog, è molto dilatato nel tempo. Non sto a raccontare il perché e il percome, semplicemente problemi di hardware, diciamo… Nel frattempo l'Olimpia è prima in Campionato e fatica in Top 16: vittima (prevedibile) contro l'Olympiakos, un po' meno contro gli armadi inaspettati del Nizhny, e corsara in casa dell'Unicaja Malaga. Il 22 si gioca in casa contro il Fenerbahce e lì vedremo se ci siamo rimessi in carreggiata. Se Kleiza desse un quarto in più di continuità in campo e lo stesso facesse il fratello grissino di Shawn James, potremmo vivere con meno extrasistole ogni partita… Speriamo che con il ritorno di Daniel Hackett in campionato, non sparisca dalle rotazioni un Meacham, ottimo nel ripristinare l'ordine nei momenti di marasma che ogni tanto la squadra vive, magari con spostamenti nella posizione di guardia di un Ragland efficace anche in quel ruolo…