ah, ma allora....

Siamo stati polli prima… perchè se siamo in grado di giocare come abbiamo fatto contro Vitoria, che ci da centimetri e chili a iosa, allora perchè ci siamo fatti infinocchiare in enne partite europee?? Un Gentile da incatenare a Milano almeno per un'altra stagione, poi è sicuro che se lo pigliano di là dell'Oceano… Ma tutta la squadra ha fatto il suo, persino uno che la parola "difesa" l'ha strappata dal vocabolario come Kleiza ha seguito in scivolamento, con alterne fortune, i vari avversari capitati. peccato per quei 4 punti mancanti per impattare da differenza canestri, ma era pensabile che dopo lo sforzo difensivo di energie non ce ne fossero molte e il povero Samuels, visto che Banchi si era dimenticato Elegar in panca (insieme a James e Gigli) lo ha pagato più degli altri e quell'ultima palla in tap in è risultata tap out….ma non sarebbe comunque bastata…

Però mi spiace...

Non di aver passeggiato all'Adriatic Arena e nemmeno di aver scoperto che Elegar è un bel centro concreto. Però mi spiace che una città del basket come Pesaro annaspi nella zona a rischio della classifica. Pesaro, per un appassionato di basket come me, è aria pura: entrare in un qualsiasi bar o ritrovo e trovare persone che parlano, discutono e perchè no, litigano di basket anzichè di calcio, è veramente ossigeno. Così come dovrebbero tornare al basket di alto livello altre oasi di pallacanestro come Livorno, Bologna sponda Fortitudo, Treviso. E poi quella Reggio Calabria che ha dato i natali cestistici a Manu Ginobili , salvare dal guano della retrocessione Caserta, far rientrare una Mens Sana ripulita dalle scorie della precedente gestione. Insomma far tornare le "grandi firme" del basket al posto che compete loro.

palasport s.siro bw

Chapeau!

Share on Facebook

Non è bastato il miglior Gentile di questa stagione, un Cerella modello cozza in difesa, un Ragland razzente nelle penetrazioni e un MarShon Brooks mistero gaudioso in attacco. Evidentemente, vista la partita di Milano a Novgorod, il piano partita dei greci è stato quello di mettere in crisi i rifornimenti per i lunghi e per Samuels, oggi letargico, in particolare ed ha funzionato. Cambiato quasi subito con James, ha consentito ai lunghi ed ai mezzi lunghi greci, grossi e atletici di essere imbeccati sotto dalle magie di uno Spanoulis, sempre più miglior play dell'Eurolega. Adesso, anche se la matematica non ci esclude dai giochi, la logica si: è vero che negli anni, di grandi ribaltamenti ce ne sono stati, però… Battesimo tardivo di Elegar grazie alla scelta banchiana di mettere James in sostituzione di Samuels: la new entry comunque, nei pochi minuti di parquet ha piantato una stoppata/deviazione devastante, dimostrando una reattività considerevole. Hackett forse troppo concentrato sulla marcatura del fenomeno, non ha brillato in attacco e forse questo è una delle cause della virgola alla voce assist (e di conseguenza all'abbiocco del giamaicano). Kleiza finalmente reattivo anche in difesa, compatibilmente con la condizione delle sue gambe, nonchè rimbalzista di "posizione" con 7 carambole ma pochi punti a referto. Prossimo appuntamento europeo settimanale emozionante (ma non per la partita), ci sarà il ritiro della maglia del baffo di Mullens: il numero 8 di Mike D'Antoni campeggerà sul soffitto del Forum e a festeggiarlo, oltre al prevedibile tutto esaurito, una buona parte della formazione vinci tutto degli anni '80. Quindi TUTTI AL FORUM!

Mike D'Antoni

Alla fiera dell'Est....

Non so se per due soldi o qualcosa in più, e sopratutto se sia cosa vera o bufala modello Calciomercato: viene dato per firmato Elegar, born in New York City, ma delle Isole Vergini e Guyana e quindi tesserabile come cotounou. Centro di 6'10" e 108 kg, ventottenne con esperienze in tutta Europa (Grecia, Turchia, Estonia, Germania, Francia) e una puntatina in Portorico. Istruzione Americana e non chiamato ai draft nel 2008, dato come stabile in doppia doppia nella VTB estone con 14,9 punti, 11,3 rimbalzi 1,1 stoppata e 1,1 assist a partita. Mi piacerebbe dire: alleluja la soluzione di ogni nostro problema, ma da piccolo se dicevo le bugie venivo beccato subito, quindi non le dico neanche adesso. Sicuramente, se è integro e non in disarmo, può dare una mano seria al povero Samuels, che dopo aver cavato le castagne dal fuoco per tutta la prima metà della stagione, ora è in debito d'ossigeno… Sul play se ne stanno sentendo diverse ma questa è un'altra storia…

elegar